Terra Madre, la prima edizione della Biennale d’Arte Contemporanea del Belvedere di San Leucio, Città di Caserta e Casagiove, è divisa in sezioni.

Luca Sorbo è il curatore della Sezione “Identità” che, attraverso il mezzo fotografico, indaga il mondo e lo documenta rappresentandone lo spazio in tutte le sue forme, a partire da quelle figurative e architettoniche, fino a quelle paesaggistiche e antropologiche.

La fotografia è un’arte trasversale, capace di cristallizzare impressioni, appunti visivi, cenni biografici, sfumature che altrimenti sfuggirebbero. Ma, al contempo, può essere fortemente orientata in ambito commerciale, riproducendo opere d’arte e testimoniando tanto il degrado quanto la bellezza di una terra e delle sue tradizioni.

L’impronta caratteristica dell’artista può imprimere, grazie ad uno scatto, un patrimonio dimenticato, astrazioni, distorsioni o, ancora, Santi. In ogni caso l’occhio cadrà sull’insieme, esattamente come sul dettaglio, carpendo un istante che è stato reso eterno.

 

Foto di Mario Ferrara

Share This